ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlino: le celebrazioni per il ventennale della caduta del muro

Lettura in corso:

Berlino: le celebrazioni per il ventennale della caduta del muro

Dimensioni di testo Aa Aa

E alla fine cadde: il muro di cemento, che vent’anni fa finì di essere l’incubo quotidiano dei berlinesi, è stato rievocato con un muro di polistirolo. Enormi tessere di un domino che dalla porta di Brandeburgo portava fino al checkpoint Charlie: è stato Lech Walesa, l’ex leader del sindacato polacco, a dare la prima spinta. Il primo di quei parallellepipedi da due metri e mezzo, decorati da bambini ed artisti di tutto il mondo, si è abbattuto sul secondo, e il secondo sul terzo e così via, tra le urla di quella stessa folla che poche ore prima aveva assistito alla passeggiata a ritroso di Angela Merkel: il cancelliere tedesco, accompagnata in questo caso da Walesa e da Mikhail Gorbaciov, ha attraversato la Bösebrücke, lo stesso ponte che valicò vent’anni prima insieme ad altre migliaia di tedeschi che si riversavano nell’ovest.

“Fu il risultato di una lunga storia di oppressione, e della lotta per la libertà – ha detto la Merkel -: non siamo stati i primi in Germania, ma abbiamo contribuito alla fine della guerra fredda”. Gran finale a base di fuochi d’artificio, in serata alla porta di Brandeburgo. Nasi al cielo, e occhi umidi: il ventesimo anniversario si chiude così.