ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Moschee aperte in Svizzera, alla vigilia del referendum che vuole vietare i minareti

Lettura in corso:

Moschee aperte in Svizzera, alla vigilia del referendum che vuole vietare i minareti

Dimensioni di testo Aa Aa

Com‘è ormai divenuto tradizione in Svizzera, anche quest’anno il mondo musulmano celebra la gornata delle moschee aperte. Una occasione per conoscere da vicino l’Islam, rinunciando magari ai pregiudizi e agli stereotipi.

L’iniziativa cade tre settimane prima di un referendum che vuole vietare la costruzione di minareti, e non nasconde di voler far cadere il pregiuidizio anti-musulmano. “Per me questo rappresenta il fatto di andare verso un altro e dirgli che le nostre porte sono aperte. Siamo insieme, e noi siamo una realtà, che può diventare una realtà ricca”. “Siamo tutti nella stessa città, e dobbiamo capirci e imparare a consocerci”. Sulla possibilità o meno di permettere la costruzione di minareti si gioca un simbolico braccio di ferro tra progressiti e conservatori. Questi ultimi non hanno esitato a ricorrere al referendum, il calendario per il 29 novembre. I musulmani in Svizzera sono 400.000, e rappresentano il 5 per cento della popolazione.