ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan, Brown difende missione Gb e pone condizioni a Karzai

Lettura in corso:

Afghanistan, Brown difende missione Gb e pone condizioni a Karzai

Dimensioni di testo Aa Aa

“Non sono pronto a mettere ulteriormente in pericolo la vita di donne e uomini del regno Unito per un governo afghano che non lotta contro la corruzione”. Di fronte a una guerra sempre più impopolare, alla morte di soldati – sette nell’ultima settimana – il premier britannico Gordon Brown ha difeso l’impegno in Afghanistan e ha lanciato un ultimatum a Hamid Karzai ponendogli cinque condizioni per ottenere il sostegno della comunità internazionale.

Poi Brown ha aggiunto che “non ci sono scelte semplici e strategie senza pericoli” e che “il governo e le forze armate hanno la responsabilità di fare il necessario, anche se è difficile, per garantire la sicurezza dei britannici”. Non possiamo, non dobbiamo andar via e non andremo via”, ha concluso. Secondo un sondaggio dell’istituto di ricerche YouGov gran parte dei britannici è favorevole al ritiro del contingente. Sulla missione in Afghanistan Brown si gioca le poche chances di vincere le prossime elezioni. I cittadini del Regno Unito, il 57 per cento, non credono neppure nella vittoria della guerra contro i taleban in cui sono morti 230 militari dal 2001. Di fronte a questa situazione quest’anno la festa per i caduti della prima guerra mondiale assume un significato particolare. Brown ha ribadito che lo scopo della Nato è addestrare le forze locali, ma ora la morte di cinque soldati per mano di un poliziotto afghano solleva ulteriori perplessità.