ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Opel, Germania in sciopero

Lettura in corso:

Caso Opel, Germania in sciopero

Dimensioni di testo Aa Aa

Dilaga la protesta, in Germania, dopo la decisione della General Motors di non vendere più la Opel alla cordata austro-canadese-russa di Magna, con un conseguente taglio di migliaia di posti di lavoro. Scioperi e manifestazioni si sono svolti nei 4 stabilimenti tedeschi della Opel, a cominciare da Russelsheim, che è anche la sede amministrativa dell’azienda automobilistica. I vertici di General Motors si sono resi conto che Opel rappresenta una pedina importante sullo scacchiere europeo. Ma occorre una cura dimagrante: il numero dei dipendenti, in Europa, deve diminuire di 10 mila unità. La metà di questi dipendenti lavora negli stabilimenti tedeschi. Altrove, come in Gran Bretagna e Spagna, la reazione dei lavoratori è stata contraria a quella dei tedeschi, con la speranza di salvare qualche unità produttiva che il progetto Magna intendeva sacrificare. I vertici di General Motors hanno detto che se i lavoratori non accetteranno i tagli, si profila il rischio fallimento.