ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Abu Omar, condanne alla Cia. Pollari salvato dal segreto di Stato

Lettura in corso:

Abu Omar, condanne alla Cia. Pollari salvato dal segreto di Stato

Dimensioni di testo Aa Aa

La giustizia italiana condanna in contumacia 23 ex-agenti della Cia per il rapimento dell’imam di Milano Abu Omar.

E’ in assoluto il primo verdetto sui voli clandestini con cui i servizi segreti americani hanno gestito le incarcerazioni di sospetti terroristi. Non luogo a procedere per l’ex direttore del Sismi Nicolò Pollari e per il suo vice Marco Mancini, in virtù del segreto di Stato che copre la vicenda dell’ex-imam. Abu Omar fu sequestrato nel febbraio 2003 a Milano, la cui procura indagava su di lui per terrorismo internazionale. Fu poi portato in Egitto dove fu sottoposto a tortura. Il procuratore Armando Spataro: “E’ possibile che venga di nuovo chiesta al ministro della giustizia la scelta di diffondere le ricerche in campo internazionale dei latitanti americani condannati ma questo va vagliato”. Il verdetto scatena la reazione degli Stati Uniti: per Washington la giustizia italiana non ha giurisdizione sul caso. Il portavoce del Pentagono: “Esprimiamo forte disappunto per il verdetto della corte. In base agli accordi Nato, un eventuale giudizio spetterebbe solo alla giustizia americana”. Tra i condannati anche l’ex-responsabile della base di Aviano, Joseph Romano. Gli Stati Uniti valutano un ricorso. Il governo Prodi fu il primo a porre il segreto di Stato, poi confermato dal governo Berlusconi, sulla vicenda di Abu Omar.