ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

No alla traversata oceanica per la quattoricenne. Nuovo stop di un tribunale olandese

Lettura in corso:

No alla traversata oceanica per la quattoricenne. Nuovo stop di un tribunale olandese

Dimensioni di testo Aa Aa

Per diventare la più giovane navigatrice transoceanica solitaria, la quattordicenne olandese Laura Dekker dovrà aspettare almeno fino al 1 luglio del 2010. Lo ha stabilito il Tribunale per i minorenni di Utrecht, chiamato a pronunciarsi sulla proroga della tutela nei confronti della ragazzina disposta lo scorso 28 agosto. In quella occasione la corte aveva vietato alla giovane di intraprendere il viaggio che le avrebbe impedito di assolvere all’obbligo scolastico.

Il progetto della ragazza, sostenuto con forza dal padre, non dovrebbe tuttavia essere accantonato. L’impresa, ricca di sponsorizzazioni e di contratti per lo sfruttamento dell’immagine, resta comunque possibile. “Se parte ai primi di luglio è ancora in tempo per diventare la navigatrice più giovane”, spiega l’agente pubblicitario di Laura. “Fino ad ottobre potrà farcela”. Nata a bordo della barca a vela dei genitori in Nuova Zelanda, l’adolescente olandese si prepara da tempo alla missione. I servizi sociali erano stati allertati dalle autorità locali del comune di residenza, dopo che il padre di Laura aveva chiesto di poterla ritirare dalla scuola per il tempo necessario alla traversata.