ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La dura prova di Obama: stabilizzare Afghanistan e Pakistan. Ancora stragi taleban.

Lettura in corso:

La dura prova di Obama: stabilizzare Afghanistan e Pakistan. Ancora stragi taleban.

Dimensioni di testo Aa Aa

L’escalation del terrorismo in Afghanistan e Pakistan pesa sulla Casa Bianca. Dopo le stragi di ieri a Kabul e Peshawar, il presidente Obama deve decidere e anche in fretta quali strategie adottare: operazioni militari contro i taleban o la più ristretta azione antiterrorismo. Chiaro l’obbiettivo degli attacchi: instaurare un clima di terrore e di caos dimostrando fino a che punto gli estremisti sono disposti ad arrivare.

Unanime la condanna della comunità internazionale a partire dal Segretario Generale delle Nazioni Unite: “ Sono profondamente scioccato e indignato per queste azioni assolutamente ingiustificabili”. Gli ennesimi attacchi suicidi arrivano nel giorno della visita a Islamabad del segretario di Stato americano. Hillary Clinton, ribadendo la volontà degi Stati Uniti di rafforzare i rapporti bilaterali con il Pakistan, ha rassicurato il governo pakistano che non verrà lasciato solo di fronte al terrorismo: “ Combatteremo insieme fianco a fianco, per la pace. Siamo disposti ad aiutare fino in fondo il popolo e questo paese ad uscire da questa grave situazione. Intanto si contano i morti: 12 a Kabul, un centinaio a Peshawar: civili dilaniati dai kamikaze. Domani a Washington si discuteranno i particolari della nuova strategia in Afghanistan: previsto l’invio di diverse decine di migliaia di uomini, in aggiunta a quelli già stanziati.