ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aiea studia i report sul nucleare dell'Iran

Lettura in corso:

Aiea studia i report sul nucleare dell'Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Iran propone di inviare il suo uranio da arricchire all’estero gradualmente, non tutto in un’unica soluzione.

E’ questa la risposta, filtrata dai media, che Teheren ha dato all’Aiea. L’organizzazione con sede a Vienna aveva sollecitato l’Iran affinchè inviasse all’estero circa il 75% delle sue riserve entro la fine dell’anno. Restio a soddisfarne compeltamente le richieste dell’Aiea, l’Iran si è mostrato aperto. “Ci aspettiamo che le nostre preoccupazioni di ordine tecnico ed economico siano prese in considerazione nei negoziati sulle forniture del reattore di Teheran” ha detto l’ambasciatore iraniano all’Aiea. Un gesto di apertura. Intanto sono tornati a Vienna gli ispettori che hanno visitato il sito di Fordo, a 47 km da Qom, la cui esistenza è stata svelata solo 21 settembre. La visita degli ispettori dell’Aiea doveva accertare lo scopo civile del nucleare. Soddifatto il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad: Teheran prende atto che le potenze occidentali sono passate a una politica di cooperazione nella questione del nucleare iraniano. E per questo, annuncia il presidente, la Repubblica islamica è pronta “allo scambio di combustibile e alla cooperazione” sul nucleare con i Paesi del “5+1”.