ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage a Baghdad nella superprotetta "Zona Verde"

Lettura in corso:

Strage a Baghdad nella superprotetta "Zona Verde"

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre 130 morti morti, più di 500 feriti: per l’Iraq è uno degli attentati più gravi di quest’anno. A Baghdad due autobomba hanno colpito la sede del ministero della Giustizia e del governo provinciale della capitale irachena. Difficile il compito dei soccorritori, alle prese con il recupero dei feriti e dei cadaveri, sepolti dalle macerie. La potenza della deflagrazione ha scaraventato alcune automobili contro gli edifici. Parecchie persone sono rimaste intrappolate nelle loro auto. La domenica è un normale giorno lavorativo e si era in piena attività, la zona era affollata al momento dell’attacco.

Gli edifici colpiti si trovano nella super protetta “Zona Verde”, l’area creata nel 2003 dalle forze statunitensi, sede non solo delle massime istituzioni dell’Iraq, ma anche di diverse ambasciate di Paesi occidentali. Vicino vi scorre il fiume Tigri. Il duplice attentato avviene due mesi dopo un altro attacco che ha colpito il ministero degli Esteri e quello delle Finanze. Anche in quel caso il bilancio fu pesante: quasi cento morti e centinania di feriti.