ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A L'Aquila migliaia di sfollati non hanno ancora un tetto, mentre l'inverno è alle porte

Lettura in corso:

A L'Aquila migliaia di sfollati non hanno ancora un tetto, mentre l'inverno è alle porte

A L'Aquila migliaia di sfollati non hanno ancora un tetto, mentre l'inverno è alle porte
Dimensioni di testo Aa Aa

Il termometro si abbassa a l’Aquila , un dato stagionale nella norma che pesa tuttavia su una situazione anomala. Nelle tendopoli ci sono ancora 4 mila persone. Le temperature, durante la notte, scendono ormai sotto lo zero.

La popolazione che ancora non ha trovato posto nei nuovi alloggi si rassegna, attende tempi migliori. “Si’, fa freddo – dice un anziano delle tendopoli – ma non abbiamo altra scelta e dobbiamo aspettare ancora qualche giorno”. I primi appartamenti, moduli abitativi efficienti ma spesso ancora provvisori, sono stati consegnati a settembre; le ultime case il 16 ottobre, nuovamente presente il premier Berlusconi, che durante il G8 dell’Aquila, a luglio, si era mostrato assai ottimista: “entro settembre – disse in quell’occasione – nessuno starà piu’ sotto le tende, è un record mondiale”. Migliaia di persone, dalle tendopoli, hanno preso progressivamente dimora nei nuovi alloggi. Gli altri, meno fortunati, preferiscono restare, pur sotto una tenda, non lontano dalle loro case inagibili: ostinati abitanti di quartieri e paesi, che rischiano di diventare luoghi-fantasma.