ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Per il governo tedesco la cessione di Opel va avanti nonostante Bruxelles

Lettura in corso:

Per il governo tedesco la cessione di Opel va avanti nonostante Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

La bocciatura da parte di Bruxelles degli aiuti pubblici promessi dal governo tedesco per il salvataggio di Opel non farà fallire l’operazione. È l’opinione del ministro dell’economia tedesco Karl Theodor Zu Guttenberg.

La Germania ha scelto de cedere gli stabilimenti europei di Opel, filiale di general motors, alla cordata russo-austriaco-canadese di Magna. “Credo che negli ultimi mesi siano stati fatti dei commenti non chiari su questa vicenda – ha detto Zu Guttenberg -. Ci sono alcuni malintesi che devono essere chiariti con Bruxelles. Credo che sarà possibile farlo nei prossimi giorni”. Lo stop agli aiuti pubblici è arrivato dalla commissiara alla concorrenza Neelie Kroes che li ha giudicati incompatibili con le regole europee a tutela della concorrenza. Secondo il governo tedesco Polonia e Austria si sono impegnate per iscritto a contribuire al pacchetto di aiuti pubblici da 4,5 miliardi di euro. E anche da Gran Bretagna e Spagna arrivano segnali positivi. Magna e il suo partner bancario russo, Sberbank, intendono investire 500 milioni di euro in Opel, con l’obiettivo di entrare sul mercato russo e su quello asiatico.