ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migliaia in piazza a Madrid per dire no alla nuova legge sull'aborto

Lettura in corso:

Migliaia in piazza a Madrid per dire no alla nuova legge sull'aborto

Dimensioni di testo Aa Aa

Madrid presa d’assalto dai movimenti per la vita contrari al disegno di legge che autorizza l’interruzione volontaria di gravidanza fino alla 14esima settimana.

Decine di migliaia di persone appartenenti ai settori conservatori della società spagnola, sostenuti anche dalla gerarchia ecclesiastica e dall’opposizione parlamentare del Partito popolare, si sono dati appuntamento alla Puerta d’Alcalà. Uno dei passaggi più controversi della legge è la possibilità per i minori tra i 16 e 18 anni di abortire senza l’autorizzazione dei genitori. Anche nel partito del premier socialista Zapatero ci sono delle reticenze su questo punto. “Sì, le donne hanno il diritto di scegliere, ma solo per il proprio corpo non per la vita altrui”, dice una manifestante. “Il governo sta cercando di venderci l’idea che questa legge è progresso. Ma uccidere neonati indifesi non diventerà mai un diritto”. La legge sull’aborto, che oggi in Spagna è possibile solo a certe condizioni e su parere medico, è solo l’ultima riforma progressista che ha attirato sul governo Zapatero gli strali e le proteste della Chiesa.