ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Altri 500 soldati britannici in Afghanistan, ma Brown chiede piu' impegno agli alleati Nato

Lettura in corso:

Altri 500 soldati britannici in Afghanistan, ma Brown chiede piu' impegno agli alleati Nato

Dimensioni di testo Aa Aa

La Gran Bretagna rafforzerà il suo contingente militare in Afghanistan inviando altri 500 soldati. Ma a una condizione: che i Paesi alleati della Nato condividano un maggiore impegno nel teatro di guerra.

Lo ha annunciato oggi alla camera dei comuni il premier Gordon Brown: “L’incremento del contingente, un migliore equipaggiamento e l’ampliamento dei compiti dei nostri soldati – ha spiegato il premier – fanno parte della strategia militare del nosrto esercito. L’obiettivo è ridurre i rischi per le nostre truppe sul campo, Per questo ho acconsentito in linea di principio ad inviare altri uomini”. Il contingente britannico in Afghanistan arriverà dunque a 9500 uomini, il secondo per grandezza, dopo quello degli Stati Uniti. Un attivista del movimento contro la guerra spiega che il comandante in capo delle truppe americane chiede 40 mila uomini in piu’, mentre Olanda e Canada chiedono di fissare un calendario per il ritiro. “E’ solo un modo per convincere gli stati uniti che li appoggiamo – conclude – ma in realtà non cambierà molto dal punto di vista militare”. Il presidente Obama ha assicurato che entro l’anno il numero dei soldati statunitensi in Afghanistan crescerà fino a 68.000 unità. E questo nonostante il malcontento dell’opinione pubblica per una guerra dai costi umani altissimi.