ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: condizioni per riaprire la frontiera con l'Armenia

Lettura in corso:

Turchia: condizioni per riaprire la frontiera con l'Armenia

Dimensioni di testo Aa Aa

Nemmeno 24 ore dopo la firma a Zurigo degli storici protocolli da parte dei ministri degli Esteri di Turchia e Armenia, la situazione tra i due Paesi sembra già complicarsi. Il premier turco Erdogan ha infatti posto delle condizioni per la riapertura della propria frontiera con l’Armenia.

“Vogliamo che i problemi relativi al Nagorno -Karabakh e alle terre occupate vengano risolti. Se i problemi tra l’Azerbaijan e l’Armenia vengono risolti, sarà più facile per la comunità turca abbracciare la normalizzazione delle relazioni fra Turchia e Armenia. E sarà più facile per il parlamento turco adottare i protocolli”. Il Nagorno-Karabakh è un’enclave cristiana in Azerbaijan (Paese alleato di Ankara) occupata militarmente dall’Armenia dal 1993. Ieri l’accordo tra le due nazioni, che dovrà essere ratificato dai parlamenti di Ankara e Ierevan, è stato siglato con un ritardo di oltre tre ore. La delegazione armena chiedeva una modifica al testo della dichiarazione finale, perché venisse riconosciuto come genocidio lo sterminio degli armeni, durante la prima Guerra Mondiale, da parte dell’Impero Ottomano.