ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Roma grande manifestazione contro l'omofobia

Lettura in corso:

A Roma grande manifestazione contro l'omofobia

Dimensioni di testo Aa Aa

Erano in 50mila secondo gli organizzatori ieri, a Roma, al primo corteo nazionale contro l’omofobia e la discriminazione degli omosessuali. Una mobilitazione forte per reagire alla recrudescenza, in Italia, di atti di violenza contro gay e lesbiche. Dal palco è stato letto un messaggio della responsabile delle pari opportunità Mara Carfagna, che è stata fischiata. Imma Battaglia, una delle leader del movimento, dice però che averla potuta incontrare, dopo più di un anno di attesa, è stato positivo:

“Le è stata ribadita l’importanza di campagne di comunicazione nazionali, multicanale, fondamentalmente in televisione, contro l’omofobia. Bisogna cominciare a lavorare perché questo paese culturalmente vada avanti rispetto al tema dell’omofobia e dei diritti civili in generale”. In piazza le associazioni di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, i partiti della sinistra e anche esponenti del mondo della cultura e dello spettacolo, come l’attrice Maria Grazia Cucinotta: “La mia presenza è solo per dare un messaggio: che l’amore, quando è vero e sincero, sceglie. Sceglie la persona che te lo scatena davanti, non sceglie il sesso, sceglie la persona”. In parlamento giace una proposta di legge -promotrice Anna Paola Concia del PD – per introdurre l’aggravante dell’omofobia nel codice penale. Dalla manifestazione è stato lanciato un appello perché si crei una maggioranza trasversale con l’obiettivo di far approvare la legge al più presto.