ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia e Armenia a un passo dalla normalizzazione dei rapporti

Lettura in corso:

Turchia e Armenia a un passo dalla normalizzazione dei rapporti

Dimensioni di testo Aa Aa

Ad oltre un anno dalla visita a Ierevan del presidente turco Abdullah Gül, il suo paese e l’Armenia stanno per siglare uno storico accordo per la riapertura delle frontiere e la ripresa delle relazioni diplomatiche. La firma, attesa per il 10 ottobre a Zurigo, alimenta speranze anche nella popolazione di Istanbul: “Turchi e armeni sono parenti – dice una passante – così almeno la vedo io. Non vogliamo conflitti, né tensioni. Se riaprissero le frontiere sarebbe un bene per tutti”. La capitale armena Ierevan spera soprattutto in un rilancio dell’occupazione e delle relazioni commerciali. “E’ una situazione rischiosa – commenta però un ragazzo -. Possiamo perdere e possiamo vincere. Ma almeno così avremo una possibilità”. Nel 1991 la Turchia aveva riconosciuto l’indipendenza, proclamata dall’Armenia l’anno precedente, chiudendo però alle relazioni diplomatiche. Tra gli armeni non mancano i contestatori, che all’accordo rimproverano di non rendere giustizia alla loro storia. Oltre un milione, secondo Ierevan, gli armeni deportati e sterminati dalla Turchia fra il 1915 e il 1917. Cifre, per cui il governo pretendeva fino al 2006 il riconoscimento del genocidio come precondizione al dialogo.