ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nobel per la letteratura: la sorpresa di Müller

Lettura in corso:

Nobel per la letteratura: la sorpresa di Müller

Dimensioni di testo Aa Aa

All’inizio non ci credeva. La scrittrice tedesca di origine rumena Herta Müller è stata la prima a sorprendersi quando ha saputo di aver vinto il Nobel per la letteratura: “Non ci credo ancora, lo so che l’ho vinto ma non ci credo ancora, ancora non mi è entrato in testa”.

Questa la motivazione del premio: ha descritto la realtà dei diseredati con la forza della poesia e la franchezza della prosa. I diseredati in questione sono gli oppressi dalla dittatura di Nicolae Ceaucescu: “Scrivo come una persona che ha vissuto per più di trent’anni sotto a una dittatura. E questa dittatura è crollata tre anni dopo che mi avevano costretto ad andarmene. Circostanza che ancora mi riempie di gioia”. Müller è nata nel 1953 a questa casa di Nitzydorf, paese di 1500 abitanti nell’ovest della Romania. In quanto intellettuale e esponente della minoranza germanofona, la scrittrice ha subito discriminazioni e censure, decidendo, nell’87, di emigrare in Germania. Oggi il governo tedesco esprime la propria soddisfazione: “A pochi giorni dal ventennale della caduta del muro – ha detto Angela Merkel – è un segnale meraviglioso il fatto che una scrittrice di tale levatura e con questo tipo di esperienza di vita venga onorata con il premio Nobel per la letteratura”. Fra i libri più importanti di Müller, “Il paese delle prugne verdi”, il romanzo uscito nel ’94 e tradotto in italiano l’anno scorso, racconta la storia di quattro amici perseguitati dalla polizia politica a causa delle loro idee.