ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Svizzera: il partito UDC usa toni xenofobi contro i lavoratori transfrontalieri


Svizzera

Svizzera: il partito UDC usa toni xenofobi contro i lavoratori transfrontalieri

La destra svizzera imposta la campagna elettorale sulla xenofobia. Il partito UDC, in un annuncio ha attaccato la presenza dei lavoratori frontalieri, provenienti dalla Francia, definiti “gentaglia”. Per evitare il loro ingresso in Svizzera, occorre bloccare – sostiene l’UDC – la costruzione della linea ferroviaria che collega Ginevra a Annemasse:

“ Questi annunci – sottolinea Yves Nidegger del partito UDC – traducono bene la decisione del nostro partito che si è dichiarato contro il progetto ferroviario CEVA, sia per i costi sia perchè ci porta la deliquenza da tutta Europa. L’unica cosa che in questo annuncio stona, è che forse il problema non è spiegato in maniera intelligente”. I toni razzisti usati dal partito UDC stanno provocando indignazione in Svizzera. In Francia il sindaco della città di confine, Annemasse, ha deciso di seguire la via legale: “Come sindaco- dice Christian Dupessey – presentero’ una denuncia. I miei avvocati stanno verificando in che modo si puo’ fare visto che siamo in due paesi che hanno sistemi giuridici diversi. Ma è mia intenzione querelare il partito che fa simili dichiarazioni e il giornale che le pubblica”. In Svizzera i i lavoratori transfrontalieri sono circa 60 mila. Per la prima volta la loro presenza rientra con questi toni in una campagna elettorale. Le elezioni per il nnovo del parlamento cantonale di Ginevra si teranno domenica.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Divergenze sulla strategia in Afghanistan, difficile la posizione di Obama