ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Libia chiede la riunione del consiglio di sicurezza dell'Onu sul rapporto Goldstone

Lettura in corso:

La Libia chiede la riunione del consiglio di sicurezza dell'Onu sul rapporto Goldstone

Dimensioni di testo Aa Aa

Non si fermano le proteste dei palestinesi contro Mahmud Abbas. Il presidente dell’ANP è accusato di “tradimento” per aver acconsentito allo slittamento della discussione alle Nazioni Unite del rapporto Goldstone sulla guerra a Gaza dello scorso gennaio.

Secondo fonti del governo palestinese il rinvio era stato accettato su pressione degli Stati Uniti che si sarebbe trovata in una posizione difficile al consiglio di sicurezza. “Una persona come Abbas che ha abbandonato la causa palestinese merita questo tipo di reazione. Ha già svenduto il paese in passato. È un pessimo presidente”, dice un giovane palestinese a Gaza. È stato l’ambasciatore della Libia all’Onu ad aver chiesto ieri una riunione d’urgenza del consiglio di sicurezza per discutere del rapporto Goldstone. E lo stesso Mahmud Abbas ha finito per dire sì al dibattito. La commissione d’inchiesta presieduta dal giudice ebreo-sudafricano ha concluso nel suo rapporto che l’esercito israeliano si è macchiato di crimini di guerra e forse anche di crimini contro l’umanità nella sua offensiva nella Striscia di Gaza costata la vita a 1400 palestinesi. Queste nuove tensioni dovrebbero rallentare il processo di riavvicinamento tra Hamas e al Fatah impegnati ormai in una guerra intestina da 3 anni.