ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Polanski: come si è arrivati all'arresto

Lettura in corso:

Caso Polanski: come si è arrivati all'arresto

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel 1977 Polanski conclude un accordo col procuratore di Los Angeles: si dichiarerà colpevole di aver avuto una relazione sessuale con una minorenne, in cambio di una condanna a 42 giorni di carcere, che il regista ha del resto già scontato.

La vittima, Samantha Gailey, che recentemente ha ritirato la denuncia, ha tredici anni all’epoca dei fatti. Convinto che il giudice non rispetterà i patti, Polanski non attende il pronunciamento della pena, e nel gennaio del ’78 si rifugia in Francia. Non rimetterà più piede negli Stati Uniti. Da allora passano più di trent’anni. Polanski continua la sua carriera di cineasta apprezzato da pubblico e critica. Si moltiplicano i premi, compreso l’Oscar. Nel frattempo la giustizia americana tenta più volte l’arresto senza mai riuscirvi. Il regista seleziona oculatamente i luoghi in cui si reca, come ricorda Volker Schloendorff, regista tedesco e amico di Polanski. “La scorsa estate stava girando qui a Berlino e ci siamo visti. Abbiamo pranzato insieme, chiacchierato, e mi ha detto che ci sono paesi che preferisce evitare. In ogni caso non si aspettava di venir arrestato in Svizzera – nessuno, del resto, se l’aspettava.” L’arresto ha sollevato proteste, e interrogativi: perché adesso, quando tra l’altro Polanski possiede una casa a Gstaad e vi si reca regolarmente? Forse, all’origine, c‘è la provocazione, involontaria, degli avvocati di Polanski. Jean Rosenbluth, americana, docente di diritto, dice che “nel documento da loro recentemente inviato dopo che il tribunale ha respinto la richiesta di archiviare il caso, pare che i legali accusassero il procuratore distrettuale di non averlo voluto arrestare in questi trent’anni perché consapevole di presunti vizi di forma.” Un’accusa di inazione ingiustificata per il procuratore, che in almeno otto occasioni si è mosso in tal senso senza riuscirvi. Questa volta pero’ la pubblicità del viaggio a Zurigo ha permesso alle autorità elvetiche di muoversi per tempo.