ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo, un'economia in trasformazione

Lettura in corso:

Portogallo, un'economia in trasformazione

Dimensioni di testo Aa Aa

L’economia è, inevitabilmente, al centro del dibattito elettorale in Portogallo. Per qualche mese, il Paese è stato risparmiato dagli effetti più gravi della crisi, quasi schermato dalla vicina Spagna che invece ne ha sofferto di più. Ma ora la recessione è arrivata fino alla foce del Tago, investendo un territorio che negli ultimi 30 anni ha conosciuto profondi sconvolgimenti nella sua struttura economica.

Oggi l’agricoltura, una volta pilastro dell’economia portoghese, rappresenta solo il 4 per cento del Pil, con l’11 per cento della forza lavoro. L’industria conta per un terzo, mentre è il terziario che domina col 66 per cento del Pil e metà della forza lavoro. Con un reddito per abitante di 15 mila euro, il Portogallo è al 18.o posto tra i Ventisette, ma è al 19.o posto al mondo per qualità della vita. Che qui si viva bene lo sanno eccome i milioni di turisti che negli ultimi anni hanno scelto le coste e le città portoghesi; ma anche l’industria del turismo, che rappresenta l’8 per cento della ricchezza del Paese è ora in calo. La regione che soffre di più è l’Algarve, che ha conosciuto anche un aumento considerevole della disoccupazione. Quello della disoccupazione è l’aspetto più preoccupante della crisi. Il Portogallo detiene la palma nera europea col 15 per cento dei disoccupati. Un quarto delle imprese create da meno di un anno hanno chiuso i battenti. Risultato: nel secondo trimestre, un balzo in avanti della disoccupazione di oltre il 9 per cento, un calo del 3,7 per cento del Pil col deficit pubblico che sfiora il 6 per cento del prodotto interno lordo. Tutte le componenti della domanda sono in calo, come le esportazioni (meno 12 per cento) e gli investimenti (meno 14 per cento), in un Paese dove il salario minimo è di 450 euro. Con redditi così bassi la perdita dell’impiego è spesso sinonimo di miseria. L’allarme sociale è già scattato. La crisi ha creato molti “nuovi poveri” e il compito del nuovo governo non sarà certo facile.