ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: sempre più determinanti per il voto, gli anziani cambiano

Lettura in corso:

Germania: sempre più determinanti per il voto, gli anziani cambiano

Dimensioni di testo Aa Aa

Hanno più di 65 anni e rappresentano uno dei gruppi più consistenti dell’elettorato tedesco. Gli anziani in Germania sono 17 milioni, un pacchetto di voti potenziali che nessun partito può ignorare. A luglio il governo di Angela Merkel, con un’inflazione vicina allo 0, ha concesso un aumento della pensione del 2,4%.

Il cancelliere tedesco ha anche fatto votare una legge che vieta di tagliare le pensioni anche se vengono ridotti i salari. Tradizionalmente a destra con la CDU, negli ultimi tempi i pensionati stanno cambiando i loro comportamenti elettorali, come spiega questo analista. “Gli anziani sono naturalmente degli elettori più fedeli degli altri gruppi anagrafici. Ma anche loro sanno tradire l’appartenenza a un partito. È una tendenza che stiamo osservando. Nei prossimi anni sarà ancora più accentuata e non si voterà più per lo stesso partito dalla culla alla tomba”. La fedeltà politica rappresenta quindi una cosa del passato. Anche se in questa casa di riposo i tradimenti sono rari… “Si, voto sempre per la CDU ma ho comunque votato una volta per il socialdemocratico Willy Brandt”. I partiti in futuro dovranno puntare su altri temi per attrarre il voto dei più anziani: è quello che sostiene la presidente di un’associazione di difesa dei pensionati. “Andrà in pensione adesso una generazione che si è avvicinata alla politica e che è cresciuta con l’invito di Willy Brandt ad “osare più democrazia”. Un percorso politico proseguito nelle comuni, nei gruppi femministi, nel no al nucleare, e nella politica fatta in prima persona. Tutto questo porterà a un cambiamento”. Nel 2025 si prevede che gli over 65 saranno il 50% dell’elettorato tedesco. Un dato con il quale tutti i partiti dovranno fare i conti.