ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: una bomba e un duello televisivo movimentano la campagna elettorale

Lettura in corso:

Grecia: una bomba e un duello televisivo movimentano la campagna elettorale

Dimensioni di testo Aa Aa

A meno di due settimane dalle elezioni, anticipate, in Grecia, una bomba è esplosa stamane davanti all’abitazione ateniese di due alti dirigenti del partito socialista, all’opposizione, causando danni non gravi.

A dominare la campagna elettorale la crisi economica e i rimedi offerti da governo e opposizione. “Nel nostro programma, ha detto il suo leader George Papandereu, del Pasok, sono previsti una migliore distribuzione della ricchezza, lo sviluppo, il rilancio dell’economia. Proponiamo una filosofia diversa, che farà pulizia nel mondo della finanza.” Il premier uscente, Costas Karamanlis, ha difeso i risultati del suo governo. “Noi abbiamo sostenuto l’economia, per questo il nostro paese soffre meno le conseguenze della crisi finanziaria. Quanto ai programmi sociali per far fronte alla disoccupazione, abbiamo stanziato piu’ di tre miliardi di euro.” Il dibattito televisivo di ieri sera, una prima assoluta in Grecia, ha toccato anche il tema della corruzione – almeno quattro gli scandali in cui esponenti del partito al potere sono stati implicati. “Ho ascoltato i discorsi, dice un giovane, a parole tutto bene, ma quel che conta sono le azioni. Sembrava una partita di tennis, si passavano l’un l’altro la responsabilità, bla bla bla. E’ sempre la stessa storia, ma per la gente comune non cambia nulla.” Se il match televisivo è finito pari, i sondaggi danno la Nuova Democrazia del premier sotto di sette punti rispetto ai socialisti. Si vota il 4 ottobre.