ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Immigrazione: "Libia paese inaffidabile"

Lettura in corso:

Immigrazione: "Libia paese inaffidabile"

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Alto Commissariato Onu per i rifugiati boccia i respingimenti fatti dalle autorità italiane.

La posizione dell’organizzazione internazionale è chiara: la Libia non fornisce le condizioni necessarie per garantire la protezione dei richiedenti asilo. Gli ultimi accordi stretti tra Italia e Libia danno al paese del colonnello Gheddafi la patente di Paese di fiducia. L’Alto commissario Antonio Guterres mette in guardia. “Ci sono circostanze di detenzione orribili e esiste il rischio che persone che hanno bisogno di protezione vengano rimandate nel proprio paese”. L’Italia rimanda al mittente le critiche. Al corrispondente di euronews a Bruxelles che chiedeva conto dei respingimenti, il sottosegretario all’Interno Nitto Palma ha risposto: “No assolutamente no. In Libia ci sono molti eritrei e somali, che non sono rinviati nei propri paesi, proprio per i pericoli che corrono” Nel 2008 sono arrivati in Italia 35 mila migranti, il 75% ha fatto domanda d’asilo, che è stato accordato a un terzo dei richiedenti.