ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Cuba il grande concerto di Juanes, i dissidenti infuriati

Lettura in corso:

A Cuba il grande concerto di Juanes, i dissidenti infuriati

Dimensioni di testo Aa Aa

Uno storico concerto per la pace, ma anche della discordia. A Cuba è tutto pronto per il grande spettacolo organizzato da Juanes. Il cantante colombiano salirà sul palco allestito a Plaza de la Revolucion per oltre quattro ore. Un evento che fa infuriare gli esuli cubani. “E’ un messaggio di pace, non solo per Cuba – ha dichiarato Juanes. E’ per tutta la regione. Quanto sta avvenendo è molto triste. Siamo divisi e ci scontriamo solo perché la pensiamo in modo diverso”.

A Miami, Juanes ha rivcevuto minacce di morte, i suoi dischi sono stati distrutti. Tanti lo accusano sostenere il regime castrista. “Se vuoi parlare di pace, e non dici chi è contro la pace, allora non parli chiaramente – dice il cantante cubano e dissidente Gorki Aguila. Io ho scelto di chiamare le cose con il proprio nome, lo faccio da tempo: il male nel mio Paese ha un nome, questo nome è Fidel Castro, è Raul Castro”. Al concerto, una qunidicina i cantanti sul palco, sono attese oltre mezzo milione di persone. Nella stessa piazza dell’Avana, dove undici anni fa, Papa Giovanni Paolo Secondo celebrò una storica messa e dove Fidel Castro ha tenuto i suoi più duri discorsi anti-imperialisti.