ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La minaccia degli estremisti contro il Gay Pride di Belgrado

Lettura in corso:

La minaccia degli estremisti contro il Gay Pride di Belgrado

Dimensioni di testo Aa Aa

Scritte minacciose sui muri e intimidazioni, il Gay Pride di Belgrado potrebbe saltare. Gli organizzatori della manifestazione hanno deciso di fare marcia indietro, dopo alcuni gravi atti commessi da parte di estremisti di destra e gli ultranazionalisti. Il Ministro dell’Interno serbo Ivica Dacic aveva messo in guardia su possibili rischi per la sicurezza.

Secondo un sondaggio condotto nel 2008, più del trenta percento degli intervistati, circa cinquemila persone, appoggiano l’uso della violenza per interrompere questo genere di manifestazioni. In occasione del primo corteo gay di Belgrado, nel 2001, ci furono violenti scontri e la polizia non fu in grado di contenere gli estremisti. La Serbia ha adottato quest’anno una legge contro la discriminazione.