ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Preoccupazione e rabbia in Francia dopo la scoperta della "legge salva-Scientology"

Lettura in corso:

Preoccupazione e rabbia in Francia dopo la scoperta della "legge salva-Scientology"

Dimensioni di testo Aa Aa

Monta l’affaire Scientology in Francia, dopo la scoperta di un recente emendamento che sembrerebbe scritto ad hoc per salvare la setta dallo scioglimento.

Il sindacato della magistratura ha chiesto l’apertura di un’inchiesta parlamentare. Si tratta di capire come, in un testo approvato dai deputati a maggio, sia finito anche il provvedimento che impedisce di sciogliere un’associazione condannata per truffa. Ora, è proprio questo il reato contestato a Scientology nel processo che si concluderà a fine ottobre. Il ministro della giustizia Michèle Alliot-Marie ha promesso che il testo originale sarà ripristinato. Ma intanto, comincia a farsi strada il sospetto di infiltrati della setta negli apparati dello Stato. Il deputato Jean Christophe Lagarde, della maggioranza di centro-destra, è stupito: “Su quasi duecento provvedimenti, ce n‘è uno che riguarda un reato molto particolare, la truffa per le persone giuridiche, e nessuno ha pensato che potesse applicarsi alle sette”. Per Jean Pierre Brard, all’opposizione, “Gli errori cominciano a essere molti. Qualche anno fa la scomparsa dei dossier di un processo, poi Tom Cruise ricevuto al ministero dell’economia, lui che è una figura emblematica di Scientology. Io non credo agli errori”. E intanto, la setta di Ron Hubbard si salva anche stavolta: al processo, cominciato dopo l’introduzione dell’emendamento, non potrà essere applicata la legge restaurata, perché non avrà valore retroattivo.