ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lo scontro sull'economia apre la campagna elettorale portoghese

Lettura in corso:

Lo scontro sull'economia apre la campagna elettorale portoghese

Dimensioni di testo Aa Aa

A due settimane dal voto, i giochi in Portogallo, sono tutt’altro che fatti. José Socrates, premier socialista uscente, e Manuela Ferreira Leite, leader dei Social-democratici, hanno dato il via ufficiale alla campagna elettorale nel loro primo e unico duello tv. Al centro del confronto, l’economia, che vede opporsi sue visioni diverse: i Socialisti prometteono di lanciare un imponente programma di infrastrutture, i Social-democratici di tagliare la spesa pubblica. Questo, ha detto Leite, per permettere il ritorno della crescita, in un Paese fortemente colpito dalla crisi.

Affondi reciproci sulle ricette per uscirvi: “Il modo in cui ha condotto la lotta alla crisi è sbagliato” – ha detto la lady di ferro portoghese, che alla testa del PSD ambisce a diventare la prima donna premier del Paese. Dati alla mano, Socrates, indebolito da recenti scandali – tra cui “Freeport” che lo hanno visto coinvolto, ha ribattuto: “Quest’anno, fino ad agosto, abbiamo aiutato 37.000 aziende, e voi? Quante ne avete sostenute nel 2003 durante la crisi, quando era ministro delle Finanze? Sa quante? 1503”. I Socialisti di Socrates sono sempre in testa nei sondaggi in vista delle elezioni del 27 settembre: per ora hanno il 37 percento delle preferenze, ma il centro-destra dei Social-democratici avanza, al 35 percento, forte anche del recente successo alle europee. Terza forza si conferma l’estrema sinistra di Francisco Loucà, che potrebbe allearsi con Socrates. Per ora certo è che nessuno dei due principali rivali avrà una maggioranza assoluta. Così come è certo che di voglia di lavorare insieme, Socrates e Leite non ne hanno affatto mostrata.