ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Norvegia, welfare e petrolio al centro delle elezioni di lunedi'

Lettura in corso:

Norvegia, welfare e petrolio al centro delle elezioni di lunedi'

Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbe essere Siv Jensen, la quarantenne leader del Partito del Progresso, di destra, la Tatcher della Norvegia.

E’ questa la sua aspirazione: il verdetto ci sarà lunedi’, quando in Norvegia si terranno le elezioni parlamentari, cui Euronews dedicherà una speciale serata elettorale. Tra le proposte di punta della Jensen c‘è la privatizzazione di sanità e istruzione. Di mira anche l’immigrazione: la formazione di destra ne chiede il drastico restringimento. Il partito tradizionalmente al governo, quello Laburista, punta alla riconferma dell’attuale premier, il cinquantenne Jens Stoltenberg, che già nel 2000 fu primo ministro, il piu’ giovane della Norvegia. Se il partito di sinistra sembra prevalere nei sondaggi, un’eventuale coalizione di centro-destra potrebbe ottenere la maggioranza assoluta. L’alto costo del welfare norvegese è un tema molto sentito dagli elettori. La Norvegia, 4,8 milioni di abitanti, è ricca di giacimenti petroliferi. Cavallo di battaglia del partito di destra è utilizzare la ricchezza prodotta dalle esportazioni del petrolio per abbassare le tasse.