ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Di nuovo infiammato il Caucaso. Attentati e morti a Grozny, Inguscezia e Daghestan

Lettura in corso:

Di nuovo infiammato il Caucaso. Attentati e morti a Grozny, Inguscezia e Daghestan

Dimensioni di testo Aa Aa

Si teme l’inizio di una nuova offensiva contro il Cremlino, nelle regioni russe del Caucaso, dove negli ultimi giorni è tornata la violenza.

A Grozny, capitale della Cecenia, un attentatore suicida si è fatto esplodere accanto a una scuola, al passaggio di una pattuglia di poliziotti. Quattro agenti sono rimasti gravemente feriti. Ore prima, un altro attentato suicida era stato portato a termine nella vicina provincia dell’Inguscezia, dove si registra un morto e cinque feriti. Ma è l’intera regione del Nord Caucaso a subire una impennata di violenza. In Daghestan, la polizia ha ucciso quattro miliziani di un gruppo separatista, dopo un assedio della casa in cui si trovavano. Da mesi, i movimenti islamici armati che lottano per l’indipendenza vanno aumentando il loro potenziale offensivo. Secondo fonti giornalistiche, da giugno sarebbero almeno 260 le vittime della violenza politica.