ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In campagna elettorale la Germania tira fuori gli scheletri dall'armadio

Lettura in corso:

In campagna elettorale la Germania tira fuori gli scheletri dall'armadio

Dimensioni di testo Aa Aa

Pressioni, manipolazione di informazioni: il nucleare infiamma la campagna elettorale tedesca dopo le rivelazioni della stampa sulla miniera di sale di Gorleben.

Le informazioni sulla sicurezza di questo sito, destinato allo stoccaggio di rifiuti nucleari, sarebbero state alterate. La storia risale a 26 anni fa, quando Helmut Kohl, capo storico della CDU, era alla guida della Germania. Nel 1983 il suo ministero della Ricerca aveva chiesto in una lettera all’Agenzia Federale, incaricata di esaminare la sicurezza del sito, di attenuare le sue conclusioni. Queste ultime sottolineavano il rischio di infiltrazioni radioattive nella falda freatica e di contaminazione del sottosuolo. E’ stata la Süddeutsche Zeitung a rendere pubblica la lettera questa settimana, in piena campagna elettorale per le politiche del 27 settembre. Il ministro dell’Ambiente, il socialdemocratico Sigmar Gabriel, ha rincarato la dose: “abbiamo bisogno di una procedura aperta e trasparente, e non della diplomazia che gioca a nascondino condotta in passato sull’affare Gorleben”. La risposta dell’allora ministro della Ricerca Heinz Riesenhuber: “non so se il resoconto sia stato alterato, perché non l’ho visto né nella sua versione iniziale né in quella finale, e non è di mia competenza. Un ministero lavora in questo modo: confidiamo in coloro che hanno la responsabilità di un lavoro”. L’entourage di Angela Merkel ha criticato il momento scelto per sollevare il velo sugli archivi di Gorleben. Il cancelliere tedesco, ministro dell’Ambiente con Kohl nella seconda metà degli anni ’90, si è impegnata a esaminarli. Tutto questo mentre i cristiano-democratici propongono di estendere di 10-15 anni la vita delle 17 centrali nucleari tedesche, la cui chiusura è prevista nel 2020. Ma nelle strade è tornato l’“Atomkraft? Nein danke” degli anni ’80. Soltanto il 7 per cento dei tedeschi considera il nucleare come una soluzione energetica.