ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I vertici Nato fanno visita all'ospedale di Kunduz

Lettura in corso:

I vertici Nato fanno visita all'ospedale di Kunduz

Dimensioni di testo Aa Aa

Insieme alle famiglie dei morti e dei feriti per placare la rabbia nei confronti della Nato. Una delegazione di militari dell’Alleanza guidata dal contrammiraglio statunitense Greg Smith ha visitato l’ospedale di Kunduz. Qui sono ricoverate le vittime, tra cui bambini, del raid aereo sul quale l’inchiesta della Nato dovrà fare luce. “Dobbiamo davvero capire cosa è realmente avvenuto, chi fosse presente al momento del raid, quali villaggi siano coinvolti – ha detto Smith. Stiamo ascoltando le persone”.

L’inchiesta dovrà chiarire, tra l’altro, se siano state rispettate le regole sugli attacchi aerei, riviste con criteri più restrittivi in questi ultimi mesi dai vertici Nato. Lo scopo: quello di limitare le perdite umane per avere un minimo di speranza di vincere la guerra contro i ribelli. Ma le autorità locali, secondo cui i morti sarebbero una novantina, sostengono che tra le vittime ci sarebbero parecchi civili. Anche se l’obiettivo dichiarato del raid erano i taleban, che negli ultimi tempi hanno trasformato l’area di Kunduz, un tempo tranquilla, in un teatro di agguati costanti. Mentre le persone uccise nell’attacco trovano sepoltura, le modalità della presenza internazionale in Afghanistan è sempre più messa in discussione.