ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezia, arrivano gli "hollywodiani"

Lettura in corso:

Venezia, arrivano gli "hollywodiani"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il tappeto rosso della Mostra del cinema di Venezia comincia a popolarsi di celebrità. Quando iniziano ad arrivare le star di Hollywood, è segno che la rassegna del Lido è davvero entrata nel vivo. Brad Pitt, George Clonney, Mickey Rourke sono già della partita, presto arriveranno anche Matt Damon, Nicolas Cage, Richard Gere, Sylvester Stallone.

L’inaugurazione, per la prima volta dopo vent’anni, è stata affidata a un film italiano, Baarìa di Giuseppe Tornatore, il regista siciliano vincitore del premio Oscar nel 1988 con Nuovo cinema paradiso. La madrina della Mostra, Maria Grazia Cucinotta, ha introdotto il presidente della giuria Ang Lee, vincitore del Leone d’oro nel 2005 con I segreti di Brokeback Mountain. “Ogni film ha il suo valore – ha detto Lee -, è impossibile fare un paragone tra le varie opere. Ma allo stesso tempo, la competizione è la cosa più eccitante della cultura cinematografica”. Vero e proprio kolossal, il film Baarìa è costato 25 milioni di euro ai produttori Mediaset e Medusa. Girato in Tunisia per riprodurre la Sicilia del secolo scorso, ha impiegato 35 mila figuranti e più di 1400 musicisti per eseguire la colonna sonora di Ennio Morricone.