ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Proteste della minoranza ungherese in Slovacchia contro la nuova legge linguistica

Lettura in corso:

Proteste della minoranza ungherese in Slovacchia contro la nuova legge linguistica

Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di ungheresi hanno protestato in Slovacchia, Ungheria e a Bruxelles, contro la legge appena entrata in vigore in Slovacchia. Da ieri negli uffici pubblici non è più possibile usare lingue diverse dallo slovacco, se la minoranza linguistica è inferiore al 20 per cento della popolazione locale. Gli ungheresi rappresentano il 10 per cento della popolazione nel paese. La legge prevede multe fino a 5 mila euro per i recidivi.

Il caso rischia di inasprire ulteriormente i rapporti fra i due paesi, tesi da decenni, e certo non migliorati con l’incidente del 21 agosto, quando Bratislava non ha permesso al presidente ungherese Laszlo Solyom di entrare in Slovacchia per assistere all’inaugurazione del monumento di Santo Stefano. In un tentativo di allentare la tensione, il premier slovacco Robert Fico e l’ungherese Gordon Bajnai si incontreranno il 10 settembre sul lato ungherese della frontiera. Il ministero slovacco della cultura ha anche sospeso temporaneamente le sanzioni economiche previste dalla legge linguistica.