ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Settanta anni fa la II guerra mondiale. Putin alla Polonia: voltiamo pagina

Lettura in corso:

Settanta anni fa la II guerra mondiale. Putin alla Polonia: voltiamo pagina

Dimensioni di testo Aa Aa

Settanta anni fa, il 1. settembre 1939,Marian Wojciechowski era un giovane soldato polacco, testimone diretto dello scoppio della seconda guerra mondiale.

Il ricordo di quella giornata non lo ha lasciato un solo istante, insieme alla memoria della battaglia di Mokra, dove l’esercito di Varsavia tentò di ostacolare l’invasione nazista del paese. Una invasione messa in atto senza alcuna formale dichiarazione di guerra, poche ore dopo il bombardamento delle città lungo la frontiera tra Germania e Polonia. Solo 17 giorni più tardi anche i soldati dell’Armata Rossa penetrarono in suolo polacco, in virtù di una clausola segreta del patto tra Mosca e Berlino firmato una settimana prima. E’ a proposito di questa difficile eredità che il primo ministro russo Vladimir Putin, atteso martedi a Varsavia, ha lanciato un invito a girare la pagina della guerra nei complicati rapporti tra Russia e Polonia, e a favorire relazioni basate sul rispetto reciproco e la cooperazione. Mosca – che nonostante il cambio di regime resta gelosamente kegata al ruolo svolto in Europa settanta anni fa – tiene molto all’immagine di artefice della liberazione della Polonia e dei Paesi Baltici, mentre questi stati definiscono quella fase piuttosto come una vera e propria occupazione. Varsavia inoltre attende anche che il Cremlino riabiliti i 26.000 ufficiali polacchi massacrati a Katyn dalla polizia segreta sovietica. Un passato pesante che a lungo Mosca non ha voluto riconoscere.