ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tutti contro la Colombia?

Lettura in corso:

Tutti contro la Colombia?

Dimensioni di testo Aa Aa

Rispuntano fantasmi e incubi del passato in Sudamerica: a scatenarli l’annucio dell’installazione delle basi militari americane in Colombia.

Di recente, durante un incontro con studenti venezuelani, Fidel Castro parlava pubblicamente dopo un lungo silenzio e, difendendo il regime dell’amico Hugo Chavez, rispolverava i toni della guerra fredda. “Non siamo liberi, non abbiamo diritti… dov‘è finita la sovranità del Venezuela e di Cuba? E’ stata calpestata, usurpata, e siamo in grado di dimostrarlo.” In realtà oggi è la sinistra al potere in America Latina, con qualche eccezione, come la Colombia, tra gli alleati piu’ fidati di Washington nella regione. Al contempo i paesi sudamericani hanno incrementato, nell’ultimo decennio, del 50% le spese militari. In testa il Brasile, seguito da Colombia e Venezuela. In Venezuela la militarizzazione, a base di armi arrivate da Russa e Cina, è soprattutto uno strumento per rafforzare il legame con due pesi massimi e per continuare la politica ‘alla Cubana’. Cogli armamenti si moltiplicano gli attacchi contro Bogotà, accusata di mirare all’occupazione del Venezuela. “Quello che sta per avvenire, ha tuonato Chavez, è l’interruzione dei rapporti diplomatici colla Colombia. Le sette basi yankee sono una dichiarazione di guerra contro la rivoluzione di Simon Bolivar, per noi è una dichiarazione di guerra.” I toni forti fanno comodo anche al presidente colombiano Alvaro Uribe, che non ha esitato ad accusare il Venezuela di vendere armi ai guerriglieri marxisti delle Farc. Ufficialmente le basi americane rafforzeranno la collaborazione con Washigton per lottare contro terrorismo e narcotraffico. Ormai tutte le risorse statunitensi nella regione si trovano in Colombia anche se il numero di uomini è rimasto immutato: ottocento. I vantaggi della cooperazione con Washington sembrano chiari al senatore colombiano Juan Manuel Galan: “Vista l’attuale situazione politica internazionale la Colombia deve potersi dotare degli strumenti necessari a una credibile difesa di tipo dissuasivo in caso di conflitto armato. E’ vitale, e del resto qualunque stato sovrano ne è dotato.” A Bogotá una campagna d’affissione chiede al presidente venezuelano ed equatoregno di fare lo sforzo di comprendere le ragioni dell’alleanza colombiana con gli Usa. Messaggio non ricevuto.