ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Netanyahu chiede sanzioni per l'Iran

Lettura in corso:

Netanyahu chiede sanzioni per l'Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

Secondo indiscrezioni doveva annunciare una tregua nella costruzione delle colonie, e invece Benjamin Netanyahu a Berlino ha preferito chiedere ancora una volta dure sanzioni contro l’Iran.

Se l’Onu non riesce a trovare un accordo su questo punto, sostiene Netanyahu, Stati Uniti e Europa devono agire in maniera indipendente: “Credo che la cosa più importante da fare sia quello che il segretario di stato americano Hillary Clinton chiama “sanzioni paralizzanti”. E’ possibile fare davvero pressione sull’Iran, pressione economica sul regime, se le potenze mondiali sono unite”. Il cancelliere Angela Merkel non ha escluso l’ipotesi di sanzioni, ma ha ribadito anche la necessità di porre un freno alle colonie: “Crediamo che il blocco nella costruzione delle colonie sia molto importante, sia una condizione necessaria per il processo di pace”. In mattinata erano trapelate voci, poi smentite da Netanyahu stesso, su un congelamento di nove mesi nella costruzione di insediamenti nei territori palestinesi. Durante la sua visita, il premier israeliano ha ricevuto dall’editore Springer le piante originali del campo di Auschwitz, ritrovare a Berlino un anno fa.