ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lo Stato francese non lavorerà più con le banche che non rispetteranno le nuove regole sui bonus ai traders

Lettura in corso:

Lo Stato francese non lavorerà più con le banche che non rispetteranno le nuove regole sui bonus ai traders

Lo Stato francese non lavorerà più con le banche che non rispetteranno le nuove regole sui bonus ai traders
Dimensioni di testo Aa Aa

La questione è esplosa in seguito allo scandalo di BNP Paribas, accusata di aver messo da parte 1 mld di euro per i bonus di natale dopo aver ricevuto 5 mld di aiuti dallo Stato. Gli istituti di credito dovranno pagare i due terzi del bonus solo dopo aver raggiunto un risultato positivo globale, e introdurre anche un “malus” cioè di una penalità in caso di risultati non proprio ottimali.

La strigliata del presidente Nicolas Sarkozy alle banche convocate oggi all’Eliseo è arrivata puntuale: dagli istituti di credito il presidente vuole un comportamento esemplare. Niente sarà più come prima, ha promesso il presidente, che parla di impegno con gli elettori e di questione morale di importanza cruciale per assicurare la stabilità finanziaria. Ma i banchieri difendono il premio in busta paga per non instaurare trattamenti diversi rispetto agli altri operatori europe. Nicolas Sarkozy a questo proposito ha promesso di portare la questione all’attenzione del prossimo G20 a Pittsburg a fine settembre. Secondo l’Eliseo spetterà alla comunità internazionale il compito di porre un tetto al valore complessivo dei bonus.