ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Si cercano i resti dell'idrovolante di Amundsen

Lettura in corso:

Si cercano i resti dell'idrovolante di Amundsen

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla ricerca di Amundsen. Una missione di dieci marinai norvegesi è partita oggi per tentare di ritrovare i resti dell’idrovolante, inabissatosi nel mare di Barents ottantuno anni fa, dove trovò la morte l’esploratore norvegese, conquistatore del Polo Sud, mentre prestava soccorso al collega italiano Umberto Nobile.

Due navi, equipaggiate con sottomarini telecomandati, setacceranno il fondo marino alla ricerca del motore, unico pezzo rimasto del velivolo la cui struttura in legno si è certamente decomposta col tempo. Le ricerche si svolgeranno nell’arco di 10 giorni tra la città di Tromso e l’isola di Bjornoya nell’arcipelago delle Svalbard. E’ il tratto di mare dove, all’epoca dell’incidente, vennero recuperati alcuni pezzi dell’idrovolante; come il serbatoio, oggi esposto in un museo, forato con degli attrezzi per renderlo galleggiante, segno che almeno uno degli occupanti del velivolo era sopravvissuto all’ammaraggio.