ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'attentatore di Lockerbie torna in Libia

Lettura in corso:

L'attentatore di Lockerbie torna in Libia

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ stato accolto da eroe in Libia, proprio quello che gli atatunitensi non volevano. Abdelbaset Ali Mohamed Al Megrahi, l’unico condannato per l’attentato di Lockerbie è stato scarcerato dalla prigione scozzese in cui scontava la condanna all’ergastolo. Al Megrahi soffre di un cancro in fase terminale, gli è stato concesso di trascorrere in famiglia gli ultimi mesi che gli restano.

Scontento il presidente americano Barack Obama secondo il quale la decisione scozzese è stata un errore, ma anche l’opposizione britannica ha espresso il proprio disappunto. Per il leader tory David Cameron l’ergastolano non meritava tanta clemenza: “Penso non sia giusto. Quest’uomo è stato condannato per l’uccisione di 270 persone. Non ha mostrato compassione per le sue vittime. A loro non è stato concesso di morire nel proprio letto”. Meghrai ha 57 anni. E’ stato condannato nel 2001, sentenza confermata in appello l’anno successivo. E’ ritenuto uno dei responsabili dell’attentato che, il 21 dicembre del 1988, coinvolse un boeing 747 della compagnia statunitense Pan Am. L’aereo esplose in volo mentre sorvolava la località di Lockerbie, in Scozia. Meghrai si è sempre dichiarato innocente. Il governo libico ha comunque versato indennizzi alle famiglie delle vittime.