ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Raffica di attentati a Baghdad

Lettura in corso:

Raffica di attentati a Baghdad

Dimensioni di testo Aa Aa

Un bilancio che si aggrava di ora in ora: si parla di un centinaio di morti e oltre 550 feriti. Baghdad presa di mira da sei attentati con autobomba e colpi di mortaio. Alcune immagini mostrano una riunione di leader tribali interrotta da un’esplosione avvenuta a poca distanza, nei pressi del Parlamento iracheno, che si trova all’interno della Zona Verde.

Il settore superblindato della capitale ospita le massime istituzioni irachene e le ambasciate di numerosi Paesi occidentali. Oltre a fare vittime, la deflagrazione ha causato ingenti danni. Si tratta della peggiore strage degli ultimi mesi e che avviene dopo il ritiro delle forze Usa dai centri abitati. Dura la condanna dell’Unione europea, per voce della Presidenza svedese. Ad essere colpite sono state anche altre aree di Baghdad. L’attentato più devastante è stato messo a segno con un camion bomba, su una superstrada vicino al ministero delle Finanze. Secondo alcuni parlamentari iracheni, una delle principali cause di questi attentati sarebbe l’ingerenza straniera negli affari iracheni. Gli agguati avvengono a meno di cinque mesi da cruciali elezioni parlamentari. E nell’anniversario di un altro grave episodio: l’attentato che nel 2003 colpì la sede delle Nazioni Unite della capitale irachena. Tra i 22 morti, anche Sergio Vieira de Mello, inviato speciale del Segretario generale Onu.