ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Incidente nella centrale elettrica: quasi nulle le speranze di trovare superstiti

Lettura in corso:

Incidente nella centrale elettrica: quasi nulle le speranze di trovare superstiti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’hanno saputo dalle autorità russe: non rivedranno probabilmente mai più i loro cari. Sono i parenti dei 64 dipendenti della centrale idroelettrica siberiana di Sayano-Shushenskaya rimasti intrappolati nell’incidente di lunedì, e dati ancora per dispersi.

La cifra ufficiale delle vittime è ferma a 12. Ma ci sono ben poche possibilità di ritrovar vivi i dispersi nella sala macchine rimasta inondata nell’incidente, di cui ancora non si conoscono le cause. Le ricerche comunque continuano. E al grave costo in vite umane si aggiunge il rischio di una catastrofe ecologica. L’olio fuoriuscito ha formato una macchia che si è estesa già per 80 chilometri nell’area intorno alla centrale, inquinando anche il fiume siberiano Ienisiei. Sotto accusa è la vetustà delle attrezzature. La turbina che sarebbe stata distrutta da un brusco aumento della pressione dell’acqua aveva più di trent’anni.