ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il "burkini" islamico alimenta le polemiche nelle piscine francesi

Lettura in corso:

Il "burkini" islamico alimenta le polemiche nelle piscine francesi

Il "burkini" islamico alimenta le polemiche nelle piscine francesi
Dimensioni di testo Aa Aa

In tempo di vacanze la polemica sul velo islamico integrale in Francia si sposta in piscina.

Sotto accusa è il cosiddetto “burkini” – un “bikini-burqa”, un costume che copre integralmente il corpo e che ha fatto mettere alla porta la trentacinquenne Carole. Francese, convertita all’Islam dall’età di 17 anni, Carole aveva fatto una ricerca prima di scegliere questa piscina della banlieue di Parigi: “Due mi hanno detto categoricamente di no, mentre a Emerainville hanno voluto vedere di che materiale era fatto il costume prima di autorizzarmi a usarlo”. Autorizzazione concessa, per due volte, prima che Carole, il primo agosto, si vedesse chiudere in faccia le porte della piscina. Per le autorità locali, una semplice questione d’igiene: “Il regolamento delle piscine in Francia – dice un rappresentante locale, Daniel Guillaume -, che siano pubbliche o private, proibisce di indossare boxer, magliette, pantaloncini, bermuda, e questa signora purtroppo è venuta qui completamente vestita”. Per lei, invece, è un caso di discriminazione, e ha deciso di adire le vie legali. La polemica si innesta sulla discussione sul burqa in Francia, dove una commissione parlamentare sta indagando sul diritto di indossare il velo integrale.