ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Honduras: scontri e violenze nella capitale

Lettura in corso:

Honduras: scontri e violenze nella capitale

Dimensioni di testo Aa Aa

Seconda giornata di scontri a Tegucigalpa, capitale dell’Honduras tra la polizia e centinaia di sostenitori del presidente Manuel Zelaya, destituito lo scorso 28 giugno dopo un colpo di stato. Negli scontri è rimasto coinvolto il vice presidente del congresso. Le forze dell’ordine, per disperdere i manifestanti, hanno sparato gas lacrimogeni. Numerosi i feriti.

Gli oppositori di Zelaya lo avevano cacciato accusandolo di voler cambiare la costituzione per poter essere rieletto alla presidenza del Paese. Il presidente ad interim dell’Honduras Roberto Micheletti, in un messaggio trasmesso dalla televisione ha chiesto la collaborazione e la cooperazione degli honduregni. Dobbiamo – ha detto – restare vigili per prevenire e denunciare raduni di infiltrati, agenti di governi stranieri. Zelaya intanto è in Brasile dove è stato ricevuto dal presidente Lula che ha confermato la ferma condanna del golpe che ha cacciato Zelaya dal Paese e ha chiesto che il presidente destituito venga reinsediato.