ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Taiwan, ritrovati vivi 700 dispersi a causa del tifone Morakot

Lettura in corso:

Taiwan, ritrovati vivi 700 dispersi a causa del tifone Morakot

Dimensioni di testo Aa Aa

Erano dati per spacciati, seppelliti da una gigantesca colata di fango. Invece nella notte sono stati ritrovati in vita i settecento abitanti di alcuni villaggi nella parte meridionale di Taiwan, la più colpita dal tifone Morakot.

Salvi per un soffio. Si erano rifugiati su un’altura, dalla quale hanno visto la terra ingoiare le loro case. Altri sono stati meno fortunati: dispersi o uccisi. 63 a Taiwan e una quarantina tra Cina e Giappone. Dopo il passaggio del tifone Morakot, le frane hanno cancellato interi villaggi dalla carta geografica. Con strade e ponti interrotti, i soccorritori si muovono prevalentemente in elicottero per raggiungere le zone colpite. I sopravvissuti hanno bisogno di cibo, coperte e talvolta medicinali. “Qui c’era un tempio, ma adeso è stato portato via. Abitavo qui prima”. Dopo quattro giorni di emergenza, le autorità di Taiwan dicono di non poter quantificare il numero dei dispersi. Il timore è che centinaia di persone siano ancora intrappolate in zone rimaste isolate. Le piogge scaricate dal tifone Morakot sono state le più intense, a Taiwan, da 50 anni a questa parte.