ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Decapitata Al Qaeda in Pakistan

Lettura in corso:

Decapitata Al Qaeda in Pakistan

Dimensioni di testo Aa Aa

Un missile lanciato da un drone americano, mercoledì, ha ucciso Baitullah Meshud, ritenuto il capo dei taleban pachistani, tra i mandanti dell’assassinio dell’ex premier pachistana Benazir Bhutto. Sulla sua testa gli Usa avevano messo una taglia da cinque milioni di dollari.

Le autorità hanno confermato solo oggi la notizia della morte, che da giorni gira in ambienti taleban, come conferma il capo di una fazione, che dice di aver appreso della morte di Meshud da un familiare. Meshud è stato colpito nel Sud Wasiristan, la patria del suo clan, dove il leader poteva contare su circa 20 mila combattenti. Gli Stati Uniti hanno intensificato gli attacchi in questa regione tribale alla frontiera con l’Afghanistan. Una cinquantina di offensive dallo scorso settembre sono state criticate da gran parte della popolazione pakistana. “E’ tutta colpa del sistema dice un fedele di fronte alla Moschea Rossa di Islamabad Per ogni Baitullah che muore ce n‘è un altro che nasce. Il punto debole di questo sistema è che abbiamo accettato la schiavitù americana. Finché non gestiremo la nostra politica da soli, finché non cambieremo la nostra mentalità, ci saranno sempre più Baitullah che continueranno a distruggere il nostro paese”. Il successore di Mehsud non si farà attendere. Ne sono convinti i servizi segreti pakistani che già hanno una rosa di nomi tra cui verrà scelto il prossimo capo. Tra i più probabili, Hakim Ullah, l’addestratore di kamikaze.