ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sudan, rinviato il processo a Lubna, la donna che portava i pantaloni

Lettura in corso:

Sudan, rinviato il processo a Lubna, la donna che portava i pantaloni

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ solo un rinvio ma è già una vittoria. E’ stato aggiornato al prossimo 7 di settembre il processo alla giornalista sudanese colpevole di aver portato i pantaloni. Lubna Ahmed al Hussein rischia una condanna a 40 frustate. Scrive per un quotidiano sudanese oltre ad essere collaboratrice della missione delle Nazioni Unite in Sudan. Attività che le darebbe diritto all’immunità, cui ha tuttavia rinunciato:

“Il mio scopo non è dimostrare che sono innocente. E’ cambiare la legge” spiega. “Ogni legge di questo Paese limita la libertà e umilia le donne”. Centinaia di sostenitrici di Lubna che si erano radunate davanti al tribunale di Khartoum sono state disperse con gas lacrimogeni. La giornalista è stata arrestata in un ristorante della capitale del Sudan, dove vige la sharia, il 3 luglio scorso, assieme ad altre 12 donne con l’accusa di avere un abbigliamento indecente.