ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni in Moldova: i comunisti perdono terreno

Lettura in corso:

Elezioni in Moldova: i comunisti perdono terreno

Dimensioni di testo Aa Aa

I comunisti perdono terreno in Moldova. È quanto emerge dopo il conteggio di circa tre quarti delle schede, nelle elezioni politiche che si sono tenute ieri. I comunisti restano il primo partito, con il 45,9 per cento dei voti, ma perdono quattro punti rispetto ad aprile. Avrebbero così 49 dei 101 seggi in parlamento.

Il presidente uscente filorusso Vladimir Voronin ha definito “dilettanteschi” gli exit poll che attribuiscono al suo schieramento cifre ancora peggiori, intorno al 41 per cento. Voronin ha detto che accetterà solo i risultati annunciati dalla Commissione elettorale e che in ogni caso non organizzerà manifestazioni di piazza. Il principale leader dell’opposizione, Vlad Filat, ha fatto invece sapere che sono in corso spogli paralleli, e che se i risultati della Commissione non coincideranno con quelli dell’opposizione, non saranno accettati. I quattro partiti filooccidentali, secondo i risultati parziali, avrebbero i voti per formare un’ampia coalizione.