ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attentato in Spagna: quasi certa la mano dell'ETA

Lettura in corso:

Attentato in Spagna: quasi certa la mano dell'ETA

Dimensioni di testo Aa Aa

‘Un attentato progettato per uccidere’. Ne sono convinte le autorità spagnole all’indomani dell’esplosione di un’autobomba, la scorsa notte, a Burgos.

Alle quattro del mattino duecento chili di esplosivo sono stati fatti saltare nei pressi del palazzo in cui ha sede la Guardia Civil, dove pure vivono le famiglie degli agenti. Una cinquantina di persone sono rimaste ferite, ma solo leggermente, tanto che nelle scorse ore sono state tutte dimesse. L’attentato nella città di Burgos, dove il quartier generale della Guardia Civil era da tempo nell’obiettivo dell’Eta. L’aveva rivelato l’inchiesta sul comando Vizcaya, gruppo smantellato nel giugno dall’anno scorso dal giudice Garzon. Come spesso fa nel caso di obiettivi militari, l’organizzazione terroristica basca, non ha avvertito con una telefonata dall’imminenza dell’attentato. Nonostante l’ETA abbia di recente subito duri colpi ai vertici, secondo fonti di stampa iberiche le forze dell’ordine spagnole erano in allerta già da domenica, informate dalla Francia che i terroristi erano di nuovo pronti ad attaccare.