ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kirghizistan: un video amatoriale conferma i brogli elettorali

Lettura in corso:

Kirghizistan: un video amatoriale conferma i brogli elettorali

Dimensioni di testo Aa Aa

Le ombre sulle ultime elezioni in Kirghizistan, vengono ora più che mai confermate da un video amatoriale.

La denuncia di frodi è stata avanzata con l’arrivo dei primi risultati lo scorso 23 luglio dall’opposizione kirghiza, che non riconosce la vittoria del presidente uscente, Bakiev. Il principale candidato delle forze di opposizione, Atambaieiv, ha indetto nuove manifestazioni in tutto il paese per mercoledi’ prossimo. La commissione elettorale, che dovrebbe vigilare sulla corretezza del voto ha respinto solo in parte la denuncia di brogli sollevate dall’opposizione: “Come reagiamo per la questione del video?- ha detto il presidente della commissione, Damir Lisovsky – L’opposizione è arrivata in ritardo con queste immagini. Hanno perso il treno. Siamo già a conoscenza di alcune frodi durante le elezioni e stiamo investigando e prenderemo le misure necessarie.” Il presidente Bakiev ha vinto secondo i dati ufficiali con l’83 per cento dei voti. Ma oltre le voci dell’opposizione anche gli osservatori internazionali dell’OSCE e la presidenza svedese di turno dell’Unione Europea si erano detti preoccupati per come si è svolta la consultazione nel paese dell’Asia centrale. Secondo L’ Unione Europea sono stati rilevati indizi di brogli elettorali, errori e diversi casi di voti multipli.